Categorie
fermento

fermento \\\ Canto Notturno

MUNICIPIO III

Alessandra Eramo
Canto Notturno
performance sonora per coro e field recordings, 2022

Canto Notturno è una performance sonora che Alessandra Eramo crea insieme a un gruppo di performer e persone residenti a Roma, immergendosi nell’immaginario notturno e nel paesaggio in continua evoluzione della città.

Partendo dal potere immaginativo della notte e dai suoni misteriosi che essa offre, esplorando lo stato tra il sonno e la veglia, il coro ascolta e interpreta con tutte le cellule del proprio corpo il paesaggio sonoro urbano al confine tra reale e immaginario, fluttuando tra presente e risonanze della memoria dei luoghi.

Attraverso la pratica estetica e politica dell’ascolto dello spazio, l’improvvisazione vocale, il racconto, l’uso di tecniche vocali estese e la registrazione dei suoni ambientali, in Canto Notturno il coro mette in scena le suggestioni acustiche crepuscolari semi-nascoste e udibili dello spazio urbano, creando una drammaturgia vocale di canti, rumori, ninna nanne, preghiere e lingue inventate. I reperti di memorie sonore collettive e personali, le narrazioni, i testi, i suoni e i canti ritrovati emergono e mutano in un percorso di ricostruzione irrazionale, laddove la voce umana si getta all’avventura dell’oscurità.

Il laboratorio è rivolto a persone che condividono un forte interesse nel lavorare con la voce, il corpo, la poesia sonora e il paesaggio sonoro e avrà un esito pubblico il 10 e 11 dicembre al Brancaleone, in occasione della festa finale di fermento \\\ territori suoni moltitudini.

quando: dal 22 al 28 novembre + 9 e 10 dicembre, h 15-19
dove: Brancaleone, via Levanna, 11


È previsto un gettone di 200€ destinato ai/lle partecipanti.

Per iscriverti invia una mail a info@area06.com con nome, cognome e numero di telefono, allegando un vocale di massimo 30 secondi in cui racconti brevemente perché ti piacerebbe partecipare al progetto.

Taranto, estate 1999
ho diciassette anni,
è notte, forse sono le 2 ma io ancora non dormo,
sono nella mia camera e la finestra è aperta.
La strada fuori è deserta,
tra il grattacielo rosso e la mia casa c’è un prato selvatico.
Ascolto il rumore di un’automobile che passa,
ad un certo punto frena, si ferma
e io mi affaccio alla finestra.
L’uomo alla guida scende dalla sua macchina, con calma,
e all’improvviso inizia ad urlare
lì, tutto solo. Lui urla.
È un urlo netto, breve e disperato,
la sua voce è profonda come quella di una partoriente.
Poi l’uomo torna nella sua macchina, accende il motore e continua il suo viaggio.
Il mio ascolto torna ai grilli del prato di periferia.

Alessandra Eramo, ottobre 2022


Alessandra Eramo è un’artista, cantante e compositrice residente a Berlino che lavora con la performance e l’installazione, la poesia sonora e visiva, il video e il disegno, esplorando i territori acustici latenti della voce umana e il rumore come materia socio-politica. Sviluppa progetti artistici, performances e opere radiofoniche che affrontano le questioni relative al corpo, alla memoria e all’identità. Ha esposto in numerosi festival, radio, musei, gallerie e istituzioni in Europa, Stati Uniti, Canada, Turchia e Cile. È co-fondatrice di Corvo Records a Berlino, dove è membro del project space Errant Sound, e suona nell’Ensemble di Musica Elettronica Böseblick con Ariel Orah, Korhan Erel e Kirsten Reese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.